Valutazione rischi, il datore deve usare la tecnologia